La norma Uni 7131 2014 stabilisce i criteri per l’installazione di qualsiasi impianto a GPL per uso domestico (o simile) non alimentato da rete di distribuzione. Vi è ovviamente menzionata anche l’installazione e la sostituzione di bombole GPL impiegate presso le utenze servite.

Cosa stabilisce la UNI 7131

In questa normativa viene stabilito che la bombola di GPL non deve essere installata al livello più basso del suolo (detto anche piano di campagna), nemmeno vicino a materiali potenzialmente combustibili, di prese ed interruttori elettrici, di prese d’aria, di condotti ed aperture comunicanti con locali messi a livello inferiore.

La bombola del GPL poi non deve essere installata in camera da letto, né in locali per uso bagno, doccia ( o servizi igienici). Sono in aggiunta esclusi dall’installazione anche i locali con pericolo di incendio e quelli di cubatura minore o uguale a 10m3.

Una volta definiti i divieti di installazione, la normativa dà anche le indicazioni per sapere dove invece poter installare la bombola GPL. Questi luoghi si possono trovare all’aperto, in un apposito armadio o nicchia o all’interno di un locale.

Installazione della bombola GPL

bombole gpl gas

La normativa UNI 7131 prevede quindi tre tipologie di installazione, vediamo ora nello specifico quali sono:

  • All’aperto: il luogo deve essere protetto dalle intemperie, dai raggi solari diretti e da altre fonti di calore, da possibili urti accidentali, da manomissioni. Esso deve essere lontano da cunicoli, fosse, cavedi e locali con pavimento a quota inferiore, rispetto al piano di campagna. Può essere installata in adiacenza a parete pertinente in locali serviti o su balconi o terrazzi prospicienti, sovrastanti o sottostanti locali serviti.
  • Apposito armadio o nicchia: il volume interno dell’alloggiamento deve essere pari a 1,5 volte il volume della bombola, avere aperture di aerazione permanenti ed essere in materiale non combustibile. Se la nicchia è accessibile dall’interno con l’abitazione, le sue pareti devono essere a tenuta. L’unica giunzione permessa, nella tubazione del gas che va dall’alloggiamento al locale adiacente, deve essere quella di ingresso e di uscita e deve essere protetta con guaina passante impermeabile al gas. In corrispondenza della parte interna del locale, l’intercapedine fra tubo guaina e tubo gas deve essere sigillata con materiali adatti.
  • All’interno di un locale: deve esserci preferibilmente una porta prospiciente l’esterno e i locali devono essere areati naturalmente, oltre che dotati di una o più aperture fisse di areazione situate a quota prossima a quella del pavimento, per ogni bombola installata deve esserci una superficie libera complessiva di almeno 100 cm2.

Il piano di appoggio della bombola deve essere inoltre stabile e di materiale non combustibile. Quando la bombola è vuota, non deve essere tenuta in deposito presso l’utenza, anche se non più collegata ad apparecchi utilizzatori a gas.

Giorgia

Autore Giorgia

Di Torino, studio Ingegneria Energetica al Politecnico. Ansiosa e frenetica, amo scrivere e amo cercare nuove idee e soluzioni per provare ad amalgamare al meglio la nostra società con la natura che ci circonda.

Altri articoli di Giorgia

Lascia un commento :-)