Sarà capitato a tutti di entrare in una stanza e trovarla mal illuminata o, viceversa, così luminosa da affaticare la vista.

Ebbene, anche la scelta di una banale lampadina può modificare radicalmente le sensazioni trasmesse dal luogo in cui ci troviamo.

Ma cosa determina questa diversa percezione di luminosità dell’ambiente?

Fino a qualche anno fa la risposta più immediata era il wattaggio della lampadina utilizzata: più era alto il wattaggio (e quindi anche il consumo) e più la stanza risultava ben illuminata.

Oggigiorno questa corrispondenza watt-luminosità non risulta più valida, infatti basta pensare alle moderne lampadine a LED che, a parità di intensità luminosa, hanno un wattaggio notevolmente inferiore alle ormai desuete lampadine ad incandescenza.

Come individuare la lampadina più adatta alle nostre esigenze?

lumen watt illuminazione giusta

Per rispondere a tale domanda è utile bussare alle porte della fisica, o meglio dell’illuminotecnica, per individuare le grandezze che caratterizzano un fenomeno così quotidiano come l’illuminazione.

Senza scendere in astruse definizioni o formuloni di difficile comprensione, ci concentreremo su alcune unità di misura che solitamente sono riportate sulle scatole delle lampadine appena acquistate, ossia watt, lumen e lux.

Cos’è il watt?

Il watt non ha bisogno di presentazione, è l’unità di misura della potenza e questa è una delle prime caratteristiche che si nota nel momento in cui si acquista un dispositivo elettrico, perché potenza e consumi sono strettamente collegati e quando il contatore gira, la bolletta canta.

Fortunatamente, le attuali tecnologie hanno permesso di ridurre notevolmente i consumi senza dover rinunciare ad un buon livello di illuminazione: Lampadine a LED o a fluorescenza da circa 20 W risultano luminose come una lampada alogena da circa 70 W o come una lampadina a incandescenza da addirittura 100 W!

Cos’è il lumen

I lumen e i lux sono, invece, due grandezze meno conosciute ma ben più importanti per il nostro scopo.

I lumen misurano il flusso luminoso, che è una caratteristica tipica della sorgente di luce, mentre i lux misurano l’illuminamento, ossia l’effetto che la sorgente luminosa produce su una determina superficie.

Molto più semplicemente l’illuminamento è il rapporto tra il flusso luminoso tipico della lampadina e la grandezza della superficie da illuminare, ossia:

lux = lumen / mq

È chiaro che, conoscendo l’illuminamento ideale per ogni ambiente (lux) e la superficie da illuminare, è possibile determinare i lumen necessari e cercare la lampadina o l’apparecchio luminoso più adatto.

A questo punto, però, va corretta la domanda che ci siamo posti all’inizio. Difatti, è più giusto chiedersi: quanti sono i lux necessari per ogni ambiente e, di conseguenza, quanti lumen ci vogliono per illuminare una stanza?

Come calcolare correttamente il giusto livello di illuminamento

lampada led geometrica

Il livello di illuminamento viene consigliato in base alle attività che si svolgono solitamente nell’ambiente considerato per cui, ad esempio, ogni stanza di un’abitazione avrà un proprio valore di lux:

  • Cucina: 350 lux;
  • Soggiorno: 200 lux;
  • Camera da letto: 100 – 150 lux;
  • Bagno: 150 lux (400 lux per lo specchio);
  • Garage, sgabuzzini o disimpegni: 100 lux;
  • Corridoio e vano scale: 150 lux;
  • Studio o luoghi di lavoro: 300 – 400 lux.

Per calcolare quanti lumen servono basterà moltiplicare i lux per la metratura specifica dell’ambiente.

Corrispondenza lumen/watt

Individuati i lumen è già possibile acquistare la lampadina più adatta in quanto, solitamente, sono riportati tra le varie caratteristiche tecniche.

Qualora non fosse indicata o non si avesse dimestichezza con tale grandezza si può sfruttare la conversione lumen-watt e acquistare, come al solito, la lampadina a seconda del wattaggio.

La corrispondenza lumen-watt dipende dalla tecnologia della lampadina (incandescenza, alogena, fluorescenza, LED) e permette di individuare i watt necessari per illuminare una stanza nonché di valutare i consumi.

Per comodità, si riporta una tabella con alcuni esempi di conversione.

LUMEN Incandescenza Alogene Fluorescenza LED
450 40 W 29 W 9 W 8 W
800 60 W 43 W 14 W 13 W
1100 75 W 53 W 19 W 17 W
1600 100 W 72 W 23 W 20 W

Come si può notare, a parità di lumen, una lampadina a incandescenza ha potenza 5 volte maggiore di una lampadina a tecnologia LED e questo si traduce (a parità di tempo di accensione) in consumi 5 volte maggiori!

Illuminare una stanza è un conto, illuminarla a dovere e senza sprecare energia è ben altro!

Lascia un commento :-)