Negli ultimi anni, i vantaggi dell’energia rinnovabile sono diventati accessibili a molte più persone. Gli incentivi hanno infatti permesso di acquistare agevolmente diverse soluzioni, come per esempio la tettoia auto fotovoltaica. Se stai pensando di prenderne una, la guida che abbiamo creato potrebbe fare al caso tuo. Seguici nelle prossime righe per scoprirne le principali caratteristiche e i vantaggi degni di nota.

Cosa sono le tettoie fotovoltaiche

Le tettoie fotovoltaiche sono strutture a falda unica. Generalmente sono realizzate in alluminio o in legno lamellare. Al fine di produrre energia elettrica, hanno la superficie totalmente ricoperta da pannelli solari. Quando le si nomina, si inquadra innanzitutto il vantaggio della celere installazione. La tettoia auto fotovoltaico, ideale per chi ha un ampio giardino, non necessita infatti del ricorso a opere in muratura. Inoltre, le basi disponibili si adattano facilmente a diverse tipologie di terreno.

Attenzione, però. Questo non significa che la tettoia in questione possa essere installata autonomamente. Bisogna comunque rivolgersi a dei professionisti. Aspetti come l’orientamento dei pannelli fotovoltaici non possono essere infatti gestiti da chi non ha una conoscenza professionale del mondo dell’energia solare.

tettoia auto fotovoltaicaAltre informazioni

La tettoia auto fotovoltaica non è solo un’ottima idea per alimentare l’auto elettrica, ma anche una comoda soluzione per creare un’area di parcheggio. Tenendo presente il fatto che si tratta di una delle tante tipologie di tettoie fotovoltaiche, ricordiamo che, dal punto di vista dei materiali, è realizzata in alluminio o altro materiale ignifugo. In alcuni casi, può essere ricoperta da teli di PVC. La superficie, come già ricordato, è ricoperta di pannelli fotovoltaici.

Serve chiedere un permesso?

Quando si pensa ad una tettoia fotovoltaica per auto, è naturale domandarsi se, per installarla, servano o meno dei permessi. In questo caso è bene fare riferimento alla Gazzetta Ufficiale, dove sono stati pubblicati i dettagli relativi agli interventi di edilizia libera. In questo novero, è possibile includere oltre 50 tipologie di interventi che, per essere realizzati, non richiedono la presentazione di particolari permessi al Comune di residenza.

L’elenco degli interventi di edilizia libera comprende anche la posa di pannelli fotovoltaici. In questo specifico caso, il Glossario di Edilizia Libera prevede che l’installazione, la riparazione e la sostituzione di pannelli fotovoltaici sia sempre esente dalla richiesta di permessi, eccezion fatta per zone vincolate specificate nel decreto del Ministero dei Lavori Pubblici n° 144 del 2 aprile 1968.

In poche parole, significa che è possibile installare una tettoia fotovoltaica per l’auto senza bisogno di richiedere alcun tipo di permesso al Comune. Quello che conta è che la zona dove si ha intenzione di procedere non sia sottoposta a vincoli di natura paesaggistica.

Se la propria abitazione e il giardino si trovano in un’area sottoposta ai suddetti vincoli, è necessario richiedere l’autorizzazione apposita al Comune o alla Soprintendenza dei Beni Architettonici.

Interessante in merito a questo tema è un caso avvenuto nel marzo 2018, con un privato che ha fatto ricorso al Tar della Lombardia perché, a detta della soprintendenza, i pannelli fotovoltaici installati su una falda avrebbero compromesso l’integrità estetica del paesaggio.

Il Tribunale Amministrativo del Ricorso ha dato ragione al soggetto privato in quanto i pannelli fotovoltaici sono ormai considerati parti del paesaggio e la loro installazione considerata “fastidiosa” a livello estetico solo nei centri storici.

Beatrice Verga

Autore Beatrice Verga

Altri articoli di Beatrice Verga

Lascia un commento :-)