Una casa, come ogni luogo chiuso, deve avere determinate caratteristiche di sicurezza. Monitorare che una abitazione possa permettere un soggiorno sicuro è sempre la cosa giusta da fare.

Esistono a tale scopo dei dispositivi, che permettono di mantenere la propria casa in sicurezza, al fine di evitare spiacevoli problemi o danni gravosi. Uno di questi elementi utili è il rilevatore di gas. Capiamo ora di che cosa si tratta e quali sono le sue caratteristiche.

Caratteristiche del rilevatore di gas

Un rilevatore di gas è un dispositivo elettronico che ha la capacità di rilevare e segnalare con luci ed emissioni sonore se in casa si verifica una perdita di sostanze nocive, come il gas domestico. Tale perdita, può essere dovuta ad una pluralità di fattori.

Per quanto riguarda il gas canalizzato, si potrebbe verificare che in una casa vi sia un impianto non idoneo rispetto all’evacuazione dei prodotti della combustione, oppure esso non sia sufficiente come pure potrebbe non esserlo l’impianto di aerazione o quello di ventilazione del locale.

rilevatori di gas

Si potrebbe anche riscontrare una carenza nella manutenzione o un malfunzionamento degli apparecchi domestici che si alimentano con il gas. Infine, una possibile causa di incidenti, che purtroppo però si riscontra spesso,  riguarda proprio l’errore umano.

Questo può essere concretizzato in un uso scorretto dell’impianto o nell’intervento di terzi durante l’utilizzo oppure anche per disattenzione. Per evitare tutti i problemi che possono derivare da situazioni simili è importante dotarsi di un rilevatore di gas.

Lo scopo è soggiornare in maniera serena all’interno delle pareti domestiche, senza dover temere problemi di vario genere, anche dovuti appunte a cause accidentali.

Il rilevatore di gas deve essere installato e mantenuto da personale tecnico specializzato e autorizzato. L’installazione va eseguita nel rispetto della normativa in materia. Nello specifico, per quanto riguarda i criteri di installazione, il rilevatore deve essere inserito nel locale in cui è probabile la presenza del gas da rilevare.

Si tratta del luogo in cui si hanno apparecchi di cottura a gas o apparecchi di riscaldamento oppure di produzione di acqua calda. Esso deve essere installato anche in un ambiente in cui sono presenti impianti particolarmente complessi. La distanza dal punto di emissione del gas deve essere compresa tra 1 metro e 4 metri. I rilevatori di gas metano devono essere posizionati a 30 cm dal soffitto, quelli di gas G.P.L. a massimo 30 centimetri dal pavimento.

Funzionamento del rilevatore di gas

I rilevatori di gas emettono un suono oppure segnali luminosi quando rilevano la presenza del gas nell’ambiente in cui sono posizionati.

Occorre sottolineare che esistono anche i rilevatori di gas più avanzati, i quali sono in grado di inviare il segnale di allarme anche in remoto. Essi infatti sono collegati in maniera smart ad altri dispositivi, ad esempio agli smartphone, così da poter avvisare anche coloro che non sono presenti in quel momento.

rilevatore perdite gas

E’ possibile poi fare in modo che il segnale arrivi ad una serie di persone, ad esempio, a tutta la famiglia contemporaneamente. Il segnale acustico che può arrivare via smartphone permette anche di conoscere quale sia la causa della perdita di gas.

Esistono inoltre dispositivi che abbinano alla rilevazione del gas, anche la comunicazione circa il livello di umidità e di calore della stanza in cui sono stati installati. Se invece il dispositivo è tarato su un certo livello di presenza, sempre inferiore al livello di esplosività, allora è possibile che il cicalino acustico venga programmato per attivarsi solo al raggiungimento di tale livello.

Cosa fare in caso di ricevuto allarme? Innanzitutto occorre spegnere tutte le fiamme libere. Sarebbe poi opportuno riuscire a chiudere il contatore del gas o della bombola di gas.

Non bisogna accedere le luci o spegnerle e non si devono azionare apparecchi elettrici. E’ fondamentale aprire porte e finestre, per ventilare l’ambiente. Se però, nonostante tali accorgimenti, l’allarme continua a segnalare la presenza di gas, bisogna abbandonare l’ambiente in questione e rivolgersi al servizio di emergenza.

Giorgia

Autore Giorgia

Di Torino, studio Ingegneria Energetica al Politecnico. Ansiosa e frenetica, amo scrivere e amo cercare nuove idee e soluzioni per provare ad amalgamare al meglio la nostra società con la natura che ci circonda.

Altri articoli di Giorgia

Lascia un commento :-)