“Stanco del tuo fornitore di corrente elettrica, che sembra colpire il tuo portafoglio con l’unico scopo di trarne il maggiore profitto?

Gioisci, perché i tuoi giorni di guerra contro una fattura dell’elettricità troppo elevata sono finiti!

Un nuovo prodotto, rivoluzionario, è arrivato sul mercato e, grazie ad esso, potrai ottenere dei notevoli risparmi sulle bollette e anche mettere fine all’avidità dimostrata dal tuo fornitore di corrente elettrica!”

Ti è già capitato di imbatterti in questo annuncio? Oppure in uno simile?

Se non l’hai già riconosciuto, il prodotto che viene “pubblicizzato” da questo annuncio è l’Energy Saver Pro, un dispositivo capace di far risparmiare centinaia di euro sulla fattura della corrente elettrica a tutti gli utenti.

Peccato però che questo dispositivo, a dispetto di quello che si crede, sia una vera e propria truffa, e anche ben orchestrata?

energysaverpro truffa

Non ci credi? Bene, prima di rivelarti il perché l’Energy Saver Pro di Topweb Offers può essere considerato un imbroglio e come funziona veramente, vediamo come prosegue l’annuncio che lo “promuove”:

“Nel 2017 è arrivato sul mercato un nuovo prodotto, davvero rivoluzionario, chiamato EcoWatt. Inizialmente era inaccessibile al grande pubblico, e questo perché offriva l’opportunità alle famiglie medie di risparmiare sui loro costi energetici mensili.”

Prosegue:

“Ecowatt è il segreto meglio custodito dai fornitori di energia. Hanno cercato di nasconderlo dal consumatore di energia quotidiano e ne hanno persino vietato la vendita nei negozi al dettaglio, tutto questo proprio per massimizzare i loro profitti.”

“Tuttavia, grazie ad Internet, il segreto adesso è stato svelato e numerosi clienti stanno già raccogliendo i frutti di un minor consumo energetico complessivo. Inoltre stanno anche impiegando meno energia per usare gli elettrodomestici.”

“Quando EcoWatt è stato scoperto all’estero, le società elettriche hanno speso milioni per impedire al prodotto di raggiungere gli scaffali dei negozi al dettaglio.”

“La sua comparsa avrebbe segnato la fine dei loro profitti, quindi era importante che tenessero il prodotto fuori dalla portata del pubblico.”

“Tuttavia, la legalità di una tale mossa ha posto fine a questo, e ora quasi 150’000 famiglie in tutto il mondo stanno beneficiando di fatture elettriche più basse grazie a questo dispositivo plugin poco appariscente.”

Energy Saver Pro di Topweb Offers: i segnali a cui prestare attenzione

Il primo segnale a cui occorre fare attenzione, anzi, davanti al quale è necessario proprio drizzare le orecchie, è il tentativo dei produttori di mettere in cattiva luce le aziende che forniscono l’energia elettrica.

Per dirla in poche parole, per i creatori di Energy Saver Pro le aziende elettriche “truffano il cliente, vogliono solo i suoi soldi, hanno segreti e hanno cercato di impedire che questo prodotto raggiungesse i negozi” perché:

  • EcoWatt era il segreto meglio custodito da tutti i fornitori di energia.
  • All’inizio i fornitori di energia hanno cercato di nascondere EcoWatt al grande pubblico.
  • I fornitori di energia “hanno tentato di vietarne la vendita in tutti i negozi al dettaglio.”
  • I fornitori di energia “hanno speso milioni (sottinteso: dei soldi derivanti dalle bollette dei loro clienti) per impedire al prodotto di raggiungere gli scaffali dei negozi.”

Insospettiti da queste accuse, alcune delle quali molto pesanti, abbiamo deciso di dare un’occhiata alla pagina “Termini e condizioni” di Ecowatt.

Il prodotto, manco a dirlo, viene distribuito da una società, di cui non si conoscono le generalità precise, ma solo la località: l’Estonia.

Inoltre, malgrado nell’annuncio sia presentato come il top del top, capace di far risparmiare centinaia di euro sulle fatture della corrente elettrica alle famiglie, nella pagina “Termini e condizioni” il distributore sembra quasi “lavarsene le mani” in merito alla sua reale efficacia:

“Non siamo responsabili se le informazioni disponibili su questo sito non sono accurate, sono incomplete o non sono aggiornate.

Il materiale di questo sito è fornito solo per informazioni generali e non dev’essere utilizzato o considerato come unica base per prendere decisioni senza consultare fonti di informazioni primarie, più accurate, più complete e più tempestive.

Qualsiasi affidamento sul materiale contenuto in questo sito è a proprio rischio.”

Quindi, secondo le parole scritte da questa società con sede in Estonia, le informazioni contenute sul proprio sito, dove si spiega il funzionamento dell’Energy Saver Pro, non devono essere ritenute affidabili né attendibili.

Suona strano, vero? Niente paura, dopotutto noi di Scienzaverde siamo anche qui per fare luce sui tuoi dubbi.

EcoWatt: qual è il principio che utilizza?

Il principio utilizzato da EcoWatt, nel settore dell’energia elettrica, viene chiamato correzione del fattore di potenza oppure anche miglioramento del fattore di potenza.

truffa energia

Si tratta di una correzione del fattore di potenza, molto utilizzata nell’industria, capace di ridurre la corrente di carico del consumatore.

Sebbene in apparenza possa sembrare molto eccitante, in realtà non si tratta di una misura nuova, né tanto meno rivoluzionaria e, cosa più importante, non riduce l’ammontare delle fatture mensili dei consumatori.

La correzione del fattore di potenza, a dispetto di quello che si crede, non si applica ai carichi residenziali né a quelli privati.

E non è finita qui: il dispositivo utilizza una tecnica che, diversamente da quanto affermato nel suo annuncio, è familiare a qualsiasi apprendista elettricista, anche a quello che sta affrontando le prime fasi della sua formazione.

Per questo motivo, anche se lo volesse, qualsiasi fornitore di energia non potrebbe nasconderlo né tanto meno permettersi di sprecare milioni di euro per cercare di impedirgli di raggiungere gli scaffali dei negozi.

Energy Saver Pro: non solo in Europa, la truffa è conosciuta molto bene anche negli Stati Uniti

La truffa però non è solo nota in Europa, ma anche negli Stati Uniti: qui infatti troviamo l’Electric Saver 1200, un’altra società che vende i cosiddetti “risparmiatori di elettricità.”

La spiegazione di questa “azienda” su come funziona il suo dispositivo è persino più fantasiosa dell’annuncio pubblicato dalla società con sede in Estonia.

La prima cosa che salta all’occhio, oltre alla scrittura sgrammaticata, è il fatto che l’autore di questa spiegazione sembra che non abbia alcuna conoscenza della scienza dell’elettricità né tanto meno che sia un elettricista professionista:

“Catturando e riciclando l’energia e i watt persi, e rilasciandoli al motore quando necessario, è possibile ridurre drasticamente le bollette energetiche. Questo processo di riciclaggio riduce la quantità di calore sui fili e sui motori della casa. Riducendo questo calore (kilowatt), si ridurrà la bolletta dell’elettricità e si allungherà la vita dei motori di casa.”

A parte il fatto che l’autore sembra non conoscere le differenze tra energia, calore e potenza, non è possibile, anche sul piano scientifico, catturare l’energia e i watt persi, né tanto meno rilasciarli ad un motore, quindi…sta parlando senza senso!

Energy Saver Pro: perché (non) funziona?

Secondo quanto riportato nelle istruzioni fornite da queste società, per iniziare a beneficiare fin da subito di notevoli risparmi sulla fattura della corrente elettrica, è sufficiente collegare questi dispositivi ad una presa elettrica qualsiasi della propria casa.

Anche se sapevamo che tutto questo era troppo bello per essere vero, abbiamo deciso di fare un test con l’aiuto di un elettricista.

Dopo esserci procurati uno di questi Energy Saver Pro, lo abbiamo collegato ad una presa del nostro ufficio e, non appena lo abbiamo fatto, abbiamo visto che due LED verdi si sono accesi sulla parte anteriore.

Perfetto, questo significa che stavamo già iniziando a risparmiare centinaia di euro sulla nostra fattura mensile dell’elettricità!

Desiderando però vederci chiaro, e anche capire perché ciò fosse possibile, abbiamo chiesto all’elettricista di aprire il “risparmiatore di energia” per capire come funzionava.

Non appena l’ha fatto, l’elettricista ha cominciato ad esprimere i suoi dubbi, in quanto l’Energy Saver Pro sembrava contenere un grosso condensatore, tipo quelli che si possono trovare in molti strumenti stroboscopici, e anche che uno dei fili fosse stato tagliato.

Detto in parole povere, sebbene il risparmiatore fosse collegato, nei fatti era lì per bellezza e non stava facendo alcunché.

Inoltre, secondo quanto ci ha detto questo elettricista, se anche il condensatore fosse stato collegato, l’unità avrebbe avuto un effetto limitato nel compensare il fattore di potenza dei carichi induttivi dell’ufficio e, oltretutto, non avrebbe influito in modo significativo sul misuratore di potenza.

Considerato che l’utente paga l’utilizzo dell’energia di potenza, pertanto, non solo non avremmo risparmiato affatto, ma non avremmo visto neanche riduzioni significative (nemmeno piccole) sulla bolletta mensile dell’energia elettrica.

Soldi buttati quindi e, sì, per amore dell’offrire informazioni esatte ai nostri lettori e per mostrare che il dispositivo non funzionava, siamo caduti (consapevolmente) nel tranello.

Come risparmiare sulla bolletta dell’energia elettrica: i veri segreti che funzionano

truffa energia elettrica

Se sei arrivato qui con l’idea che l’Energy Saver Pro ti avrebbe potuto dare una mano a risparmiare sulle bollette della corrente elettrica, di sicuro adesso non vorrai più acquistarlo, ma ti sarà comunque rimasto lo stesso dubbio: come risparmiare qualche euro sulla fattura dell’elettricità?

Detto fatto, ecco 10 modi davvero efficaci per risparmiare sulla fattura mensile dell’elettricità, e anche per non sprecare una risorsa così preziosa, che potrai mettere in atto fin da subito:

  • Se non li utilizzi, spegni sempre tutti gli apparecchi e i dispositivi elettrici: la modalità stand-by, sebbene alcuni utenti la utilizzino spesso per poter riprendere il lavoro temporaneamente interrotto, è nota per consumare non solo molta energia, ma anche per far lievitare le bollette dell’energia elettrica a fine mese.
  • Punta sulle lampadine a LED a risparmio energetico: le lampadine a LED a risparmio energetico, oltre a consumare di meno, sono anche le migliori amiche del tuo portafoglio, ben più di “truffaldini” risparmiatori energetici. Provare per credere!
  • Chiudi bene le porte e le tende: un modo efficace, e veloce, per trattenere il calore all’interno della propria casa, o del proprio ufficio o negozio, e impedire che si disperda nell’ambiente circostante.
  • Fai attenzione a come lavi e asciughi i vestiti: se non l’hai già in casa, opta per una lavatrice o un’asciugatrice appartenente alla classe energetica A o superiori (A+ o A++). L’ambiente non solo ti ringrazierà, ma in più potrai ottenere un notevole risparmio sulle tue fatture. Inoltre, se ti è possibile, nei mesi estivi metti in pausa l’asciugatrice e fai asciugare i vestiti all’aria aperta!
  • Migliora il consumo energetico della tua casa: anche se in apparenza può sembrare un super lavoro, cerca di ottimizzare il consumo energetico della tua casa, ad esempio prediligendo elettrodomestici della classe A oppure sostituendo le tue vecchie lampadine con luci LED.
  • Risparmia energia in cucina: se non la usi, non lasciare aperta l’acqua calda e, per il lavaggio dei piatti, se possibile acquista una lavastoviglie ecologica (lo sapevi che, a dispetto di quello che si crede, il lavaggio a mano dei piatti consuma più acqua calda rispetto alla lavastoviglie?). Stacca inoltre tutti gli elettrodomestici dalle prese di corrente quando hai finito di usare e non lasciare le piastre accese!
  • Ottimizza l’uso del riscaldamento e del condizionatore: anche se vivi in una casa di montagna, cerca di programmare il tuo impianto di riscaldamento, o il condizionatore, in modo che si accenda mezz’ora prima del tuo arrivo, ma non lasciarlo sempre attivo, nemmeno se ti assenti soltanto per cinque minuti! Inoltre, all’inizio della primavera o dell’inverno, chiama un professionista per fargli controllare tutti gli impianti di riscaldamento o di raffreddamento: meglio spendere due volte per la sua parcella che ritrovarsi con apparecchi malfunzionanti, che consumano un sacco di energia e che non riscaldano, o non raffreddano, l’ambiente a dovere.
  • Ottieni il miglior affare energetico: un proverbio popolare recita “Chi più spende, meno spende”. Con ciò significa che, quando si tratta di ottimizzare i consumi energetici, è meglio spendere qualcosa di più (per esempio per realizzare un impianto fotovoltaico), ma ottenere un notevole risparmio sulle bollette per anni, piuttosto che lamentarsi tutti i mesi perché la fattura dell’elettricità ci sembra sempre più cara, ma non fare nulla perché “installare dei pannelli solari costa”.
  • Isolare il tetto: l’isolazione del tetto, sebbene in un primo momento potrà sembrare un po’ costosa, ti ripagherà fin da subito, perché non solo il caldo rimarrà all’interno della tua casa, ma in più non dovrai alzare i riscaldamenti in modo eccessivo per cercare di riscaldare gli ambienti.
  • Risparmia con l’energia solare: l’energia solare, oltre ad essere pulita, ti permette di contare su una riserva di energia praticamente infinita (e gratuita) e che potrai utilizzare non solo per far funzionare i tuoi elettrodomestici, ma anche per avere la luce in tutti i locali della casa. L’unico costo da sostenere? L’installazione dei pannelli solari sul tetto, ma in genere lo si recupera tranquillamente già dopo cinque anni.
Francesca1988

Autore Francesca1988

Altri articoli di Francesca1988

Lascia un commento :-)