Come proteggere la casa con sistemi di antiallagamento? Se sei proprietario di un’abitazione e vivi in una regione dove il rischio di alluvioni è molto elevato, di sicuro ti sarai già fatto questa domanda e avrai già cominciato a fare qualche ricerca su Internet per non farti trovare impreparato davanti alle situazioni più estreme.

E fai anche bene, perché dopo il fuoco, l’acqua è sicuramente una delle forze più distruttive della natura e davanti alla quale, soprattutto quando è in piena, possiamo fare ben poco se non procurarci una zattera oppure trovare un riparo in alto, ad esempio sul tetto.

Senza andare a ritroso fino al 1966 e alla celebre alluvione che travolse Firenze, e che mise anche in grave pericolo numerose opere d’arte che vennero recuperate dagli “angeli del fango”, basti pensare, ed è solo una delle tante che sono state raccontate dalla cronaca, all’alluvione del 2 settembre 2017 a Livorno, quando l’acqua fece otto morti e provocò danni per centinaia di euro.

sistema antiallagamento

Come fare quindi a difendere la tua casa dai pericoli e dai danneggiamenti che potrebbe causare l’acqua, soprattutto se arriva in abbondanza e rompe gli argini? Ecco qualche consiglio che abbiamo raccolto per te tra gli esperti del settore.

Valuta bene il rischio

Innanzitutto il primo passo da compiere per proteggerti dalle inondazioni è quello di valutare, meglio ancora se con l’aiuto di un assicuratore qualificato, quante sono le probabilità che si verifichi un’alluvione proprio nella tua area e quanto sia resistente la tua casa.

Fatto questo, dovrai determinare il livello specifico di alluvione della tua casa insieme al tuo assicuratore. Per livello specifico intendiamo l’altezza alla quale le acque, durante un’inondazione, potrebbero arrivare in caso di brutto tempo.

Idealmente la tua casa dovrebbe essere costruita al di sopra di questo livello, perché solo così potrà dirsi protetta al 100% dai danni causati dalle inondazioni.

Per esempio, se la tua casa è stata costruita sul fondo di una valle, potrebbe avere un livello di alluvione più elevato rispetto alla casa di un vicino che si trova più in alto, poiché in caso di alluvione l’acqua fluirà di più verso la tua abitazione.

Cerca inoltre di scoprire dove le acque, in caso di inondazione, potrebbero entrare: per fare ciò, ti basterà valutare il deflusso superficiale quando si verificherà un’abbondante nevicata o un acquazzone piuttosto intenso.

Guarda se l’acqua scorre verso, oppure lontano, casa tua, e anche come si comportano le porte e le finestre, in particolare quelle che si trovano nel seminterrato, quando si accumula su di loro.

Ciò ti aiuterà a comprendere il rischio complessivo di inondazione e ad identificare eventuali aree specifiche che potrebbero trarre un vantaggio dalle tecniche di impermeabilizzazione a secco.

Infine, tieni presente che la polizza assicurativa standard per i proprietari di case non ti protegge dal rischio di alluvioni, quindi trovai acquistare una polizza aggiuntiva contro le alluvioni presso la tua compagnia di assicurazione.

Proteggi bene la tua casa dalle alluvioni: ecco come

Dopo aver valutato il rischio generale di alluvione nella tua casa, prendi tutte le misure necessarie per proteggerla in modo adeguato con i sistemi antiallagamento.

Esistono numerosi modi per impermeabilizzare una casa, che vanno da costose ristrutturazioni domestiche per ridurre il rischio al minimo, o eliminarlo del tutto, fino alle manutenzioni di base che in genere sono gratuite.

Se invece stai costruendo una casa da zero in una zona soggetta ad inondazioni, o se la tua abitazione non è stata edificata per resistere all’acqua che sale, potrebbero essere necessari alcuni lavori di impermeabilizzazione.

sistemi antiallagamento

L’impermeabilizzazione però non è l’unica strada che puoi percorrere: qui di seguito ti illustriamo alcuni sistemi antiallagamento molto efficaci e che ti permetteranno di proteggere le tue quattro mura dall’acqua che sale:

  • Se possibile, innalza la tua casa al di sopra di pontili o di palafitte. Come insegnano gli esploratori, che spesso utilizzano questo sistema per le proprie tende, questa la proteggerà non solo dall’alluvione, ma spingerà l’acqua a fluire verso il basso e senza entrare nella casa.
  • Installa le prese per l’aria, o una pompa a pozzetto, nelle fondamenta. Le prese d’aria, una vera e propria “impermeabilizzazione a prova di inondazione”, consentono all’acqua di fluire attraverso la tua casa, ma senza che quest’ultima formi una specie di piscina intorno ad essa. Le pompe a pozzetto invece, oltre ad essere molto utili, spesso vengono utilizzate per pompare l’acqua fuori dagli scantinati dove si verificano allagamenti. Per la tua sicurezza, ti consigliamo di acquistare una pompa a pozzetto con un backup di batteria, che ti permetterà di usarla anche quando si spegne.
  • Applica rivestimenti e sigillanti. È una delle “impermeabilizzazioni a secco” più conosciute, perché una volta applicati alle fondamenta, alle pareti, alle finestre e alle porte, i sigillanti, così come i rivestimenti, impediranno all’acqua di penetrare nella tua casa attraverso le crepe.
  • Alza tutte le prese e tutti gli interruttori elettrici di almeno un metro e mezzo sopra il livello di alluvione, questo per evitare che, in caso di piogge torrenziali e di “acqua in casa”, si verifichino gravi danni elettrici o incidenti di vario genere, come le folgorazioni.
  • Installa valvole di ritegno sui tubi: sembra una sciocchezza, ma questa semplice precauzione impedirà che le acque provenienti dal sistema fognario entrino nella tua casa. Le valvole a saracinesca sono preferite rispetto alle valvole a cerniera, poiché forniscono una migliore tenuta contro la pressione dell’alluvione.
  • Se abiti nei pressi di un prato, anche lontano, valutane bene la pendenza. Se il prato si inclina verso la tua abitazione, l’acqua piovana confluirà tutta verso di essa. Usa un terreno pesante, meglio ancora se a base di argilla e di sabbia, per regolare il tuo prato in modo che il deflusso superficiale si svuoti in un luogo più appropriato, come un canalone.
  • Fai spazio tra il pacciame e il raccordo. Il pacciame bagnato può far marcire il raccordo, causando delle perdite d’acqua anche importanti. Mantieni uno spazio tra il pacciame e il raccordo in modo che le fondamenta della tua casa si possano asciugare in fretta dopo i temporali.
  • Punta i tuoi pluviali lontano dalla casa. Se il deflusso della grondaia non è puntato lontano da casa tua, o in una direzione appropriata, l’acqua si accumulerà tutta intorno agli angoli dell’abitazione e potrebbe, eventualmente, provocare perdite nel seminterrato.

Oltre ad eseguire questi lavori di ristrutturazione, dovresti anche proteggere gli apparecchi interni ed esterni della tua casa sollevandoli sopra il livello di alluvione.

Di solito puoi farlo a buon prezzo posizionando gli oggetti sopra i blocchi di cemento.

Ecco alcuni apparecchi che dovrebbero essere elevati al di sopra del livello di alluvione:

  • Climatizzatori
  • Generatori
  • Scaldabagno
  • Lavatrici
  • Asciugatrici

Sono in mezzo ad un’inondazione! Come faccio a limitare i danni?

Se nella tua regione è stata annunciata una tempesta, oppure è già iniziata, attieniti a questa procedura per ridurre al minimo le inondazioni e limitare i danni provocati dall’acqua:

  • Se la causa dell’inondazione è la linea di galleggiamento, chiudila subito.
  • Elimina i detriti e la sporcizia dalle grondaie e dagli scarichi di modo che l’acqua possa fluire liberamente attraverso di essi.
  • Utilizza dei sacchi di sabbia per eliminare eventuali spazi vuoti che potrebbero causare allagamenti.
  • Sposta i tappeti, i mobili, i dispositivi elettronici e gli oggetti di valore nel piano più alto della casa o, se non puoi raggiungerlo, rimuovili dal pavimento e mettili sul posto più alto.
  • Se l’acqua sta raggiungendo il tuo impianto elettrico, spegni la corrente elettrica utilizzando l’interruttore che trovi sul pannello.
  • Accendi la pompa a pozzetto o usa un’aspirapolvere per rimuovere l’acqua il più rapidamente possibile.
  • Fotografa o registra eventuali inondazioni al fine di documentare e di difendere il tuo reclamo con il tuo fornitore dell’assicurazione contro le alluvioni.
Francesca1988

Autore Francesca1988

Altri articoli di Francesca1988

Lascia un commento :-)